Home / Chatbot AI » Intelligenza Artificiale / Come usare bene Google Bard: guida completa
×
IA per tutti
×
icona-ricerca

Come usare bene Google Bard: guida completa

Scopri come usare Google Bard in Italia. Esempi e video-guida insegnano a trarre il massimo dall'assistente IA di Google.

di Andrea Fantucchio

In questo articolo spiegheremo come usare Google Bard in Italia, l’assistente di intelligenza artificiale di Google.

Vedremo come utilizzare il tool di IA generativa per scrivere testi creativi, produrre e correggere del codice, creare composizioni musicali o poesie, scrivere email e tradurre testi in lingue diverse.

Ci occuperemo anche del funzionamento dell’assistente di casa Google e chiariremo come sono gestiti la privacy e il trattamento dei dati personali. Capirai come proteggere le tue informazioni sensibili.

Infine dedicheremo un paragrafo al confronto di Google Bard con ChatGPT, chatbot di intelligenza artificiale creata dall’azienda OpenAI.

Entra nella community Telegram e WhatsApp e ricevi subito news e approfondimenti sul mondo dell’intelligenza artificiale. Chatta con altri professionisti e appassionati.

Come usare Google Bard: video guida

Ecco la video guida di iapertutti.it che ti insegna come usare Google Bard anche se non lo hai mai utilizzato.

Video guida che spiega come usare Google Bard in modo professionale

Ricevi contenuti extra e guarda le video-guide di iapertutti.it su YouTubeFacebook e Instagram.

Cos’è Google Bard: definizione, funzionamento e storia

Google Bard è un servizio sperimentale di intelligenza artificiale conversazionale creato da Google. Lo scopo di questo strumento è essere il tuo assistente personale in svariate attività e comprendere il linguaggio umano.

Il suo funzionamento è simile a quello di ChatGPT, chatbot di IA che reso popolare l’intelligenza artificiale negli ultimi mesi.

Bard è alimentato dalla famiglia di modelli linguistici LaMDA. Questo acronimo inglese sta per Language Model for Dialogue Applications, ossia modelli di linguaggio applicati al dialogo.

Il nome “Bard” deriva dal termine inglese antico “beordd”, ossia poeta o cantastorie.

I bardi erano il “database” di storie, poesie e leggende di un popolo. Il nome è stato scelto da Google proprio per rappresentare la capacità “creativa” di Bard e la sua abilità nel modellare il linguaggio.

Impara a scrivere prompt da zero per Google Bard e sblocca tutti i corsi, i podcast e le guide aggiuntive con la nostra community premium.

Come usare bene Google Bard: immagine di copertina
Robot che rappresenta Google Bard

Come funziona Google Bard

Google Bard usa le informazioni del motore di ricerca di Google per rispondere alle domande degli utenti ed elabora le risposte attraverso il modello di linguaggio LaMDA.

La chatbot di intelligenza artificiale utilizza i server di Google. Analizzare grandi quantità di informazioni, richiede infatti molta potenza di calcolo.

La istruzioni o “prompt” vengono fornite a Bard dall’utente, attraverso una barra di ricerca in cui inserire del testo.

I comandi possono essere inviati attraverso la voce, con l’ausilio di un microfono o si possono usare delle immagini attraverso l’applicazione Google Lens. Per questo parliamo di un sistema multi-modale.

L’utente ha la possibilità di leggere una risposta principale e le altre bozze che sono state scartate da Google Bard.

Come funziona la privacy di Google Bard

Google ha garantito agli utenti di Bard il rinvio alla “Privacy e termini” generali, oltre a una sezione chiamata “Centro per la privacy di Bard” (“privacy hub”) dopo sono presenti:

Il limite imposto per utilizzare il sistema è di 18 anni. Proprio per rispettare l’obbligo, Bard non può essere gestito tramite Family Link o un account Google Workspace for Education che appartiene a un minorenne.

Nell’informativa Google ha spiegato di raccogliere informazioni su:

L’azienda spiega che i dati vengono raccolti secondo la normativa vigente e consentono di fornire, migliorare e sviluppare prodotti, tecnologia e servizi offerti da Google.

Qui puoi leggere le basi legali di Google per il trattamento dei dati di Bard ai sensi della Legge sulla protezione dei dati dell’Unione Europea (UE) o del Regno Unito (UK).

Conservazione dei dati su Bard: durata e come eliminarli

Google conserva in automatico i dati degli utenti per un massimo di 18 mesi.

L’opzione può essere cambiata in 3 o 36 mesi dall’indirizzo myactivity.google.com/product/bard.

Per farlo clicca su “Eliminazione automatica (on)“.

Come cambiare il periodo di eliminazione automatica delle conversazioni in Google Bard.
Come cambiare il periodo di eliminazione automatica delle conversazioni in Google Bard.

Seleziona quando eliminare l’attività in automatico e scegli dal menù a tendina: 3 mesi, 18 mesi (opzione automatica) o 36 mesi.

Opzione di eliminazione automatica dell'attività con Google Bard.
Opzione di eliminazione automatica dell’attività con Google Bard.

Puoi scegliere di non consentire a Bard di registrare la tua attività. Per farlo clicca su On nella finestra “Attività di Bard” accessibile dallo stesso indirizzo.

Come disattivare la memorizzazione dell'attività in Google Bard.
Come disattivare la memorizzazione dell’attività in Google Bard.

Clicca sull’interruttore alla destra del pulsante On nella pagina “Impostazione Attività di Bard“, assicurandoti che scatti sull’OFF.

Clicca su "OFF" per disattivare la registrazione dell'attività su Google Bard.
Clicca su “OFF” per disattivare la registrazione dell’attività su Google Bard.

Se disattivi il salvataggio delle conversazioni, le informazioni verranno conservate nell’account per un massimo di 72 ore per permettere al servizio di funzionare.

Google chiarisce che le conversazioni su Bard, esaminate o annotate dai revisori, non vengono eliminate quando cancelli la tua attività e sono conservate per un massimo di 3 anni.

L’azienda spiega che i revisori sono delle professionisti che si occupano di leggere, annotare ed elaborare le tue conversazioni su Bard.

Per proteggere la privacy degli utenti, le conversazioni che i revisori annotano non sono associate a un account utente.

Inoltre, le informazioni vengono scelte in modo casuale e rappresentano solo porzioni di conversazioni.

In ogni caso Google chiede all’utente di non includere nei dialoghi con Bard “informazioni che possano essere utilizzate per identificare te o altri utenti“.

Quali sono i limiti di Google Bard

Fra le limitazioni di Bard c’è la possibilità di produrre informazioni imprecise o offensive.

Google lo ha indicato in una frase visibile sotto la barra di ricerca nella homepage di Bard. L’azienda precisa che quei contenuti non rappresentano le proprie opinioni.

Avvertenze di Google sulle imprecisioni e sui contenuti offensivi che Google Bard può condividere.
Avvertenze di Google sulle imprecisioni e sui contenuti offensivi che Google Bard può condividere.

Il problema delle informazioni imprecise aumenta il rischio allucinazioni, della quali parliamo nel paragrafo dedicato all’addestramento di questi modelli.

Come specificato nel centro privacy di Bard, il modello può avere problemi di:

Quando è nato Google Bard

Google Bard è stato annunciato nel febbraio 2023 in un post pubblicato sul blog di Google (An important next step on our AI journey) dall’amministratore delegato dell’azienda, Sundar Pichai.

Nel 2020 il team Google Brain ha creato Meena, il precursore del sistema “LaMDA” sul quale è basata la chat di IA.

La multinazionale americana non ha rilasciato quel prodotto al pubblico perché era ritenuto poco sicuro ed etico rispetto ai principi di Google riassunti in questa pagina: “Responsible AI practices“.

Meena è stato rinominato LaMDA e ha subito delle evoluzioni prima di essere annunciato durante la conferenza Google I/O del 2021, ma è rimasto un prototipo mai rilasciato.

Dopo l’attenzione riscossa da ChatGPT nel 2022, l’azienda di Mountain View ha accelerato i suoi sforzi per rilasciare una chatbot potenziata con l’intelligenza artificiale.

Nel video di seguito Sundar Pichai ha parlato di durante il Google Keynote (Google I/O ’23)

Come è stato addestrato Google Bard

Google Bard, come ChatGPT, è stato allenato su grandi quantità di testo raccolte sul web.

Lo strumento di intelligenza artificiale coglie le relazioni statistiche che esistono all’interno del linguaggio.

Non comprende, quindi, il significato delle parole come un essere umano, ma deduce la risposta più pertinente dal contesto della conversazione.

Per semplificare, ascoltando la frase “La rosa è…”, potrebbe aggiungere “rossa” o “profumata” perché ha visto questa combinazione di termini molte volte nel corso del suo addestramento.

Più dettagliato è il contesto fornito con le proprie istruzioni, più si aumentano le possibilità di ricevere risposte soddisfacenti.

Poiché si tratta di sistemi probabilistici, bisogna tenere d’occhio gli output e accertarsi che le risposte date siano vere e non solo “verosimili”. Nel secondo caso di tratta di allucinazioni.

La ricerca portata avanti da Google per creare Google Bard rientra in una branca della scienza e della tecnologia chiamata elaborazione del linguaggio naturale, riassunta dall’acronimo inglese NLP (NLP, Natural Language Processing).

Gli scienziati mirano a creare macchine che sappiano comprendere e riprodurre il linguaggio umano.

Questa sfida apre a prospettive incredibili per l’umanità.

Consentire alle macchine di dialogare con gli essere umani nella loro lingua, permette di sfruttare al massimo le potenzialità di questi sistemi, senza apprendere linguaggi ostici come quelli di programmazione.

Come usare Google Bard

In questo paragrafo spiegheremo come usare Google Bard in Italia e poi analizzeremo diversi casi d’uso interessanti.

Come collegarti a Google Bard in Italia

Per iniziare collegati alla pagina principale di Google Bard. Quindi clicca sul pulsante Blu “Prova Bard” posto alla tua destra.

Homepage di Google Bard con il pulsante blu "Prova Bard".
Homepage di Google Bard con il pulsante blu “Prova Bard”.

Ti troverai nella pagina “Termini e privacy“, nella quale viene spiegato come verranno utilizzati i tuoi dati da Google Bard.

Dopo aver letto l’informativa, clicca sul pulsante blu “Altro” per procedere o su “No, grazie” per tornare indietro.

Pagina con termini e privacy di Google Bard. Clicca sul pulsante blu "Altro" per procedere.
Pagina con termini e privacy di Google Bard. Clicca sul pulsante blu “Altro” per procedere.

Ci sei quasi. Prima di lasciarti dalla home del servizio, ci sarà una finestra di avviso che ti spiega come “Bard potrebbe commettere errori” nelle risposte. In quel caso clicca su “Cerca su Google” per controllare le risposte.

Inoltre viene spiegato come Bard migliorerà la qualità dei risultati offerti grazie ai tuoi feedback.

Pagina che spiega gli errori che Google Bard può commettere e come ridurli con i feedback.
Pagina che spiega gli errori che Google Bard può commettere e come ridurli con i feedback.

Spunta la casella di forma quadrata per ricevere aggiornamenti su Bard nella email collegata all’account Google che stai utilizzando.

Come ricevere le notizie sui miglioramenti di Google Bard via email.
Come ricevere le notizie sui miglioramenti di Google Bard via email.

Google Bard: casi d’uso

Vediamo ora alcuni casi d’utilizzo pratico per chi vuole utilizzare Google Bard in Italia.

Come fare una ricerca con Google Bard

Digita nella barra di ricerca la tua richiesta e aspetta di vedere il risultato. Proveremo con questa semplice domanda: “Chi ha vinto i mondiali di calcio maschile nel 2022”.

Per inviare le istruzioni bisogna cliccare sull’icona dell’aeroplano, simile a quella di diverse applicazioni di messaggistica come Telegram.

Come inviare le istruzioni o prompt a Google Bard.
Come inviare le istruzioni o prompt a Google Bard.

Ed ecco come appare una risposta fornita dall’assistente di intelligenza artificiale.

Esempi di risposta fornita da Google Bard.
Esempi di risposta fornita da Google Bard.
Come caricare un’immagine in un prompt per Google Bard attraverso Google Lens

Puoi anche fornire i tuoi comandi allegando un’immagine. Vediamo come fare. Clicca sull’icona “+”, accanto alla barra di ricerca (attiverai il comando upload file con gli esempi di formati che puoi caricare: jpg, png e webp).

Come caricare un'immagine nel prompt per Google Bard.
Come caricare un’immagine nel prompt per Google Bard.

Scegli la foto o l’immagine da caricare e scrivi il tuo prompt. Quando sei soddisfatto, clicca sull’icona dell’aeroplano per inviare la tua richiesta.

Ecco come appare un'immagine caricata in un prompt di Google Bard.
Ecco come appare un’immagine caricata in un prompt di Google Bard.
Come inviare un prompt audio su Google bard

Per inviare le istruzioni con la tua voce all’assistente di Google clicca sull’icona del microfono (Usa il microfono) visibile nella barra di ricerca.

Come inviare un prompt audio su Google Bard.
Come inviare un prompt audio su Google Bard.

Ora clicca sul pulsante “Autorizza” per permettere all’assistente di IA di ascoltare le tue istruzioni.

Consenti di utilizzare il microfono per fornire istruzioni a Google Bard.
Consenti di utilizzare il microfono per fornire istruzioni a Google Bard.

Se ti chiedi come Google Bard è arrivato alla soluzione, puoi scoprirlo vedendo quali sono state le altre risposte scartate.

Per farlo dovrai analizzare la sezione dedicata alle bozze. Vediamo come fare.

Questa funzionalità, ti tornerà utile quando le tue domande saranno più complesse e potrebbero richiedere altri punti di vista.

Come visualizzare altre bozze o rigenerarle

Se una risposta non ti soddisfa, clicca su “Visualizza altre bozze ∨” per scorrere le altre risposte.

Come visualizzare le altre bozze di Google Bard.
Come visualizzare le altre bozze di Google Bard.

A questo punto non ti resta che selezionare la bozza che ritieni più pertinente alla tua richiesta.

Come scegliere la bozza preferita generata da Google Bard.
Come scegliere la bozza preferita generata da Google Bard.

E se nessuna risposta fa al caso tuo? In questo caso puoi cliccare su  “↻ Rigenera bozze” e dare un’occhiata alle nuove opportunità fornite da Bard con lo stesso prompt.

Come rigenerare nuove bozze con Google Bard.
Come rigenerare nuove bozze con Google Bard.
Come approfondire una risposta di Google Bard

Se le bozze generate da Google Bard non ti hanno colpito, puoi approfondire l’argomento cliccando sul pulsante “Cerca su Google“.

Clicca sul pulsante "Cerca su Google" per approfondire i risultati forniti da Google Bard.
Clicca sul pulsante “Cerca su Google” per approfondire i risultati forniti da Google Bard.

Dovrai cliccare su uno degli argomenti correlati alla ricerca e verrai trasportato nella pagina di Google corrispondente.

Esempio di argomenti correlati alla ricerca su Google Bard.
Esempio di argomenti correlati alla ricerca su Google Bard.

Un’altra strada prevede di modificare la tua richiesta. Per farlo clicca sull’icona della matita (“Modifica testo“), quindi espandi o cambia il tuo prompt.

Come modificare il testo del tuo prompt su Google Bard.
Come modificare il testo del tuo prompt su Google Bard.

Dopo aver modificato le tue istruzioni, clicca sul pulsante blu “Aggiorna” per inviare le nuove indicazioni.

Come aggiornare e inviare i tuoi prompt su Google Bard.
Come aggiornare e inviare i tuoi prompt su Google Bard.
Come migliorare le risposte di Google Bard: feedback e condivisioni

Per migliorare risposte di Google Bard, puoi lasciare un feedback cliccando sui pulsanti con il pollice su (La risposta va bene) o con il pollice giù (La risposta non va bene).

Esempio di feedback con click sul pulsante "La risposta va bene" disponibile su Google Bard.
Esempio di feedback con click sul pulsante “La risposta va bene” disponibile su Google Bard.

Cliccando su “La risposta non va bene”, si avrà la possibilità di spiegare perché.

Per farlo puoi utilizzare i pulsanti: “Offensiva/ Non sicura“, “Non corretta“, “Altro” o usare la funzione “Fornisci un feedback aggiuntivo” per motivare il giudizio negativo.

Esempio della funzionalità "La risposta non va bene" per migliorare i risultati generati da Google Bard.
Esempio della funzionalità “La risposta non va bene” per migliorare i risultati generati da Google Bard.

La condivisione, si sa, può essere un’altra strada molto utile per migliorare il proprio lavoro più velocemente.

Per condividere un risultato di Google Bard clicca sull’icona con i tre pallini, alla sinistra di “Cerca su Google”, quindi attiva la funzione “Condividi ed esporta“.

A questo punto potrai decidere se condividere il risultato ottenuto attraverso un link (cliccando su Condividi), in un documento su Google Documenti (cliccando su Esporta in Documenti) o attraverso Gmail (cliccando su Bozza in Gmail).

La funzione "Condividi ed esporta" disponibile su Google Bard.
La funzione “Condividi ed esporta” disponibile su Google Bard.

Come formattare un testo con Google Bard

Google Bard fornisce la possibilità di strutturare i dati dei tuoi contenuti in diversi formati.

Immagina quanto può essere utile se hai bisogno di contenuti ottimizzati dal punto di vista SEO oppure se vuoi sistemare dei dati in una tabella.

Ecco un prompt di esempio:

prompt

Crea una tabella per mostrare i calciatori e il numero di gol realizzati nel campionato di serie A 2022/2023. Nella prima colonna deve esserci il nome del giocatore, nella seconda colonna il numero dei gol. Il primo nome partendo dall’alto deve essere del giocatore che ha segnato più gol e poi devi procedere in ordine decrescente. Limitati a un elenco di dieci nomi con i dieci giocatori che hanno segnato più gol.

Ed ecco il risultato fornito da Google Bard.

Esempio di dati con formato tabella generati da Google Bard.
Esempio di dati con formato tabella generati da Google Bard.

Nello screen, ho indicato con la freccia il comando “Esporta in Fogli” che può essere molto utile per collegarsi allo strumento di fogli di calcolo online di Google.

Ti invito, però, a controllare sempre la qualità delle risposte della chat. Come avrai notato dallo screen, ci sono infatti degli errori gravi in quella classifica.

Fra gli altri, sono presenti nella lista giocatori che oggi giocano in altre squadre o in campionati differenti rispetto a quelli indicati da Bard.

Penso a Gianluca Scamacca che era attivo in Inghilterra o a Giovanni Simeone che non gioca più con il Verona ma con il Napoli.

Purtroppo, non è andata meglio neppure con le altre bozze disponibili. In questo caso ti suggerisco di cliccare su “La risposta non va bene” e fornire un feedback aggiuntivo, spiegando il perché.

Come scrivere un articolo con Google Bard

Come ChatGPT, anche Google Bard può dimostrarsi un valido assistente per la generazione di testi.

Vediamolo all’opera con un prompt molto semplice:

prompt

Agisci come un copywriter esperto. Dobbiamo scrivere un articolo su Roberto Baggio.

Target (Pubblico di riferimento): pubblico in lingua italiana, di età compresa fra 18 e 25 anni che non ha mai visto giocare Roberto Baggio.

Scopo dell’articolo: spiegare chi sia stato Roberto Baggio, quali i traguardi raggiunti, quali i momenti salienti della carriera e perché è considerato una leggenda del calcio italiano.

Stile dell’articolo: divulgativo, propositivo.

Struttura del testo: Periodi brevi e strutture semantiche lineari, evitare la forma passiva e gli avverbi.

Come scrivere un articolo con Google Bard.
Come scrivere un articolo con Google Bard.

Come puoi vedere il risultato suona formalmente corretto, ma le informazioni non lo sono.

Fra gli errori, vanno segnalati una Coppa Uefa e una Coppa Italia attribuite erroneamente a Milan e Brescia e l’anno in cui Roberto Baggio ha vinto il pallone d’oro: eravamo nel 1993 e non nel 1990.

Come vedremo nel paragrafo “Google Bard vs ChatGPT“, la chat di intelligenza artificiale di OpenAI se l’è cavata molto meglio.

Un utilizzo più efficace di Google Bard prevede di far lavorare lo strumento IA su un testo fornito da noi per migliorarne la SEO.

Come usare Google Bard per la SEO

Per il prossimo esperimento abbiamo chiesto a Google Bard di fornire dei consigli per migliorare la SEO dei paragrafi “Come funziona Google Bard” e “Quando è nato Google Bard”.

Ecco le istruzioni:

prompt

Agisci come un esperto SEO. Dopo aver letto il testo che ti fornisco, elencami una serie di interventi pratici che potrei realizzare per migliorare la struttura SEO del testo. Dobbiamo ottimizzare l’articolo per la query “Come usare Google Bard”. Indicami anche in quale porzione del testo realizzare il mio intervento e perché.

Un esempio di come usare Google Bard per la SEO.
Un esempio di come usare Google Bard per la SEO.

Come usare Google Bard per fare brainstorming

Google Bard può essere utilizzato come partner creativo per svolgere un’attività stimolante come un brainstorming.

Vediamo come se la cava a vestire i panni di un consulente d’abbigliamento. Ecco il nostro prompt di partenza:

prompt

Agisci come un consulente d’abbigliamento. Il tuo scopo e aiutarmi in un brainstorming per scegliere un outfit per ogni giorno della settimana.

Sono un uomo. Voglio comunicare alcuni aspetti del mio carattere e del mio modo di essere attraverso l’abbigliamento: sono un tipo sportivo, determinato, allegro, intraprendente e curioso di conoscere gli altri.

Ricordati che siamo a luglio, ci troviamo nel Sud Italia e qui fa molto caldo, tieni conto anche di queste esigenze per individuare gli outfit.

Il tuo output deve essere sotto forma di lista, ogni voce della lista deve includere un outfit per il giorno e uno per la sera. Calcola che il mio lavoro non prevede alcun dress code.

Google Bard più aiutarti in attività creative come il brainstorming.
Google Bard più aiutarti in attività creative come il brainstorming.

Come programmare con Google Bard

Puoi chiedere all’assistente di Google, di creare delle linee di codice da zero e correggere quelle che gli fornirai.

Ecco un esempio, con questo prompt:

prompt

Agisci come un programmatore esperto di Javascript. Scrivi una funzione che mi permetta di calcolare i miei minuti di vita. Considera che oggi è il 18 luglio 2023 e sono le 17.00 e io sono nato il 1° maggio 1995 alle 5 di mattina.

Esempio di come programmare con Google Bard.
Esempio di come programmare con Google Bard.

L’assistente di intelligenza artificiale di Google ha creato una funzione, purtroppo non è stato specifico nell’inserire l’elemento della data che avevamo fornito come riferimento.

ChatGPT, come vedremo nel paragrafo dedicato, ha offerto un risultato molto più soddisfacente.

ChatGPT vs Google Bard

Nel nostro confronto fra Google Bard e ChatGPT-4, l’assistente di OpenAI è uscito vincitore.

Abbiamo deciso di assegnare a GPT-4 le stesse task proposte a Bard e riportate in questo articolo. Ecco come è andata.

Infografica di iapertutti.it che mostra le differenze fra ChatGPT e Google Bard.
Infografica di iapertutti.it che mostra le differenze fra ChatGPT e Google Bard.

Meglio scrivere un testo con ChatGPT o Google Bard?

Ecco l’articolo di ChatGPT su Roberto Baggio:

Un esempio di un articolo per un blog scritto da ChatGPT con il modello GPT-4.
Un esempio di un articolo per un blog scritto da ChatGPT con il modello GPT-4.
La video guida ti spiega come usare bene ChatGPT

Meglio fare SEO con ChatGPT o Google Bard?

Ecco un esempio di come usare ChatGPT per la SEO dei tuoi contenuti.
Ecco un esempio di come usare ChatGPT per la SEO dei tuoi contenuti.

La qualità dei consigli SEO forniti da ChatGPT, è simile a quella dei suggerimenti di Google Bard, anche se la struttura delle informazioni fornita da Google era più fedele al prompt di partenza.

Avevamo infatti richiesto di fornire suggerimenti per migliorare la SEO del testo e poi indicare gli interventi pratici da attuare.

Meglio fare un brainstorming con ChatGPT o con Google Bard?

Esempio di brainstorming con ChatGPT.
Esempio di brainstorming con ChatGPT.

In questo caso i suggerimenti sull’outfit forniti da ChatGPT sono più specifici di quelli di Google Bard.

L’assistente di intelligenza artificiale di OpenAI, ha incluso anche gli accessori nei consigli di abbigliamento e ha specificato dettagli come la vestibilità del jeans (skinny) o il tipo di scarpe (Derby).

Meglio programmare con ChatGPT o con Google Bard?

Come programmare con ChatGPT.
Come programmare con ChatGPT.

Rispetto a Google Bard, lo strumento di OpenAI si è dimostrato molto più specifico, inserendo i dati forniti in modo corretto.

Come attivare le estensioni con Google Bard

Ecco l’articolo che spiega come usare le estensioni con Google Bard per sbloccare le funzionalità aggiuntive.

Video guida che spiega come sbloccare le estensioni con Google Bard

FAQ su Google Bard

Come usare Google Bard dall’Italia?

Per usare Google Bard dall’Italia collegati alla pagina del servizio e utilizza un account Google.

Che differenza c’è fra Google Bard e ChatGPT?

Google Bard è integrato con il motore di ricerca di Google e può collegarsi a internet, mentre ChatGPT non può connettersi alla rete e utilizza dati di addestramento raccolti sul web fino al 2021. Google Bard è pensato come assistente per la ricerca online, ChatGPT come partner creativo per molte attività. Scopri tutte le differenze fra i due tool leggendo il paragrafo “ChatGPT vs Google Bard

Esiste un’app per usare Google Bard?

No, Google non ha rilasciato un’applicazione ufficiale per utilizzare Google Bard sullo smartphone. Puoi comunque usare il servizio sul cellulare collegandoti attraverso il browser installato sul tuo telefonino.

Esistono delle API per Google Bard?

Sì, esistono delle API di Google Bard per integrare le funzionalità dell’assistente di intelligenza artificiale di Google in applicazioni di sviluppatori terzi. Al momento il servizio è utilizzabile da un numero limitato di utenti e in fase sperimentale. Per ora non esiste una pagina ufficiale di Google alla quale puoi accedere per collegarti alle API di Google Bard. L’azienda di Mountain View ha fornito il link a questa pagina per inserirsi in lista d’attesa, come sviluppatore indipendente, per poter testare la tecnologia delle API PaLM per integrare l’intelligenza artificiale di Google nelle proprie applicazioni.

Come iniziare a usare Google Bard

Leggi il paragrafo “Come usare Google Bard” e chatta con il servizio di intelligenza artificiale di Google.

Testa alcuni dei casi d’uso proposti in questo articolo e scopri come migliorare la qualità dei tuoi prompt.

Invia i tuoi risultati e ricevi i prossimi contenuti sul gruppo Telegram o Whatsapp oppure scrivici a iaxtutti@gmail.com

Cita questo articolo